AIMO/CFTO – FONDAZIONE CLS

AIMO/CFTO – FONDAZIONE CLS

L’idea di una collaborazione con AIMO/CFTO è nata alla vigilia della IV edizione della Strasaronno, a fronte di una proposta di disponibilità avanzataci da AIMO per la preparazione atletica dei partecipanti.

Ne seguì un incontro tra l’ing. Pasqualino Cau, il dr. Marco Giardino e il dr. Ferdinando Zucchi in cui si parlò di collaborazione tra AIMO/CFTO e la FONDAZIONE CLS.

Fu un incontro molto ricco di prospettive perché la sintonia che subito si è realizzata fra AIMO e la Fondazione CLS è stata totale, avendo come base l’attenzione alla persona nel suo complesso e alla persona che ha bisogno di essere sostenuta e curata.

La proposta di collaborazione da parte di AIMO poggiava su tre aspetti fondamentali:

  1.  L’offerta gratuita di assistenza
  2.  omeopatica al personale delle cinque CLS e cioè agli utenti, ai lavoratori, agli educatori e ai famigliari.
  3. Iniziative benefiche organizzate da AIMO/CFTO a favore della Fondazione CLS
  4. Offerta di
    servizio osteopatico agli atleti in occasione della Strasaronno. 

Gli aspetti che la Fondazione CLS considera di maggior rilevanza sono legati alla grande apertura del mondo giovanile che frequenta AIMO/CFTO e il relativo corpo docente, al mondo della disabilità psico-fisica e psichiatrica, cioè a quella categoria più debole per l’intrinseca insufficienza all’autonomia.

Diffondere tra i giovani la cultura e l’attenzione al disabile e cercarne il coinvolgimento è nel DNA della Fondazione CLS.

Crediamo che il mondo di AIMO/CFTO per la ricchezza di valore che ha verso la persona, rappresenti per la Fondazione CLS il partner ideale non solo per condividere un percorso, ma anche per una partecipazione fattiva di persone AIMO ai gruppi di lavoro e alle iniziative della Fondazione CLS.

In altre parole fare un percorso insieme per dare valore alla persona più a rischio di emarginazione quale è il disabile psico-fisico.

I limiti e le difficoltà potrebbero essere tanti: il tempo, gli impegni, ma è solo una questione di priorità, tra le tante cose non dovrebbe mancare il tempo per i più deboli.